Means of the dreams: Perchè sognamo?

imagesIl fatto di sognare non è che una reazione più o meno intricata che il nostro cervello ha verso quello che è il mondo esterno e si riflette in esso rielaborato mentre dormiamo; è un meccanismo di crescita, di difesa. E’ la proiezione che il nostro inconscio ha sul subconscio rendendoci coscienti di quello che viene proiettato: Un probabile accadere degli
eventi che il nostro meccanismo di autodifesa biologico ricrea per prevenire un’avvenimento prossimo che potrebbe turbarci particolarmente o richiederci un notevole sforzo psicofisico.

Il cervello umano è usato differentemente quando si è nella fase onirica.

Il cervello umano è usato differentemente quando si è nella fase onirica.

-Chi sogna ha un risultato migliore la volta successiva- …Come essere certi di sognare? La risposta è data da studi inerenti a quello che succede durante le proiezioni; il nostro corpo si rilassa completamente quasi azzerando il tono muscolare permettendo così di percorrere ciò di cui il sogno “narra” ma non spostandoci fisicamente.

 

Attività cerebrale nella fase r.e.m.

Attività cerebrale nella fase r.e.m.

E’ dimostrato, infatti, che la fase chiamata r.e.m. è un riflesso condizionato nel movimento degli occhi che ruotano per percepire l’ambiente che stanno vivendo.

I sogni popolano circa il 25% del nostro riposo notturno ed il rapporto che ognuno di noi intrattiene con i propri sogni è infatti molto soggettivo e mutevole. Talvolta le persone spiccatamente razionali fanno maggior fatica ad imprimersi nella memoria i sogni, ricordando generalmente solo spezzoni insignificanti o particolari onirici che ripresentano resti diurni o eventi banali della giornata.

È proprio una questione di censura e di rimozione, per cui, al di là della razionalità od emotività di ciascuno di noi, i contenuti inconsci, i desideri repressi, i bisogni negati, le paure, i traumi personali, sono così “scottanti” per l’equilibrio psichico dell’individuo che vengono relegati fortemente nell’inconscio e fanno fatica ad emergere.

Ci vuole quindi anche una certa disponibilità all’ascolto, nonché un certo allenamento. Buona prassi per migliorare la propria capacità mnemonica è segnarsi immediatamente i sogni e le sensazioni provate al momento del risveglio. Questa pratica permette di attivare una differente forma di attenzione che pian piano diverrà sempre più precisa.

I sogni infatti sono una potente espressione della nostra forza creativa.
Proviamo allora ad interrogarli con curiosità e non con paura: troveremo certamente dei nuovi meravigliosi alleati.

260px-Die_Traumdeutung

Del resto non siamo stati i soli a porci questo dilemma…è dall’antichità che l’uomo si interroga su questa questione e tuttora le varie comunità scientifiche stanno facendo nuove e sbalorditive scoperte su questa condizione umana.

 

Degno di nota è questo testo pubblicato nel 1899: “Die Traumdeutung” o “L’interpretazione dei sogni” di  Sigmund Freud , disponibile presso la nostra biblioteca.

Advertisements
Immagine | Questa voce è stata pubblicata in Geek blog. Contrassegna il permalink.

Facci sapere cosa ne pensi, scrivi qui...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...